strategia per

internazionalizzazione

Il cluster intende supportare i propri membri nell'incremento delle esportazioni sia nel mercato interno europeo che in quello estero.

Il primo strumento è creare e gestire fiere in tutti i mercati di destinazione e promuovere il matchmaking sia per gli acquirenti che per i fornitori. La strategia cluster si concentra sui mercati americano, britannico, cinese e giapponese.

Una componente importante della strategia di cluster è la partecipazione a progetti internazionali che consentono il trasferimento della conoscenza e la condivisione delle competenze, facilitando l'innovazione e lo sviluppo digitale.

progetti attuali

Il Cluster, costituendo un consorzio con altri due partner europei, ha presentato “Bridge2Asia”: un progetto di internazionalizzazione candidato a finanziamento UE.

Struttura del progetto

Il progetto si articola in tre fasi, una per ogni anno.

  • ­Primo anno: la fase di preparazione riguarda i programmi di formazione delle aziende partecipanti sulle attuali dinamiche commerciali nei paesi target (Cina e Giappone), e quelli specificatamente rivolti ai dipendenti delle aziende associate per l'utilizzo delle nuove tecnologie dell'industria 4.0.
  • Secondo anno: è correlato alla prima azione commerciale in Giappone e Cina attraverso un evento tenutosi a Tokyo in febbraio ea Chengdu tra settembre e ottobre.
  • Terzo anno: si tratta di un evento B2B digitale che consentirà alle aziende di proseguire la propria attività commerciale beneficiando delle relazioni sviluppate grazie al progetto.

benefici del progetto

La partecipazione al progetto consentirà alle aziende associate al cluster di accedere all'iniziativa commerciale nonché alle piattaforme informatiche di marketing e formazione, rivolte ai propri dipendenti nell'utilizzo delle nuove tecnologie dell'industria 4.0, e ai corsi dedicati alla sostenibilità ambientale.

perchè cina e giappone

L'individuazione di questi mercati target deriva dall'analisi dell'andamento del mercato che ha rivelato una crescente domanda di acquisto diretto di prodotti in questi territori e l'aumento degli eventi celebrativi asiatici in Europa.

Torna su